Gli ammortizzatori a molla hanno un anello filettato per regolare il precarico. Il precarico provoca la compressione parziale della molla, questo fa si che la molla abbia bisogno di maggiore forza per partire. Problemi che derivano da un troppo precarico:

  1. Scarso assorbimento di urti di piccole dimensioni con conseguente guida rigida e scarsa trazione.
  2. Scarsa soluzione al problema dei finecorsa perchè il precarico è comunque una regolazione ridotta e non ipedirà all’ammortizzatore di “andare a pacco”.
  3. Aumenta lo stress che la molla subisce e ne riduce la durata e l’efficacia nel tempo.
  4. A volte riduce l’effettiva corsa dell’ammortizzatore.

La durezzà della molla è la forza richiesta per comprimerla. Ad esempio, una durezza della molla di 400 libbre/in richiede 400 libbre di forza per comprimere ogni pollice della stessa, o circa 1040 libbre su 2,6 pollici di corsa. Le molle da 450 libbre/in richiedono 50 libbre in più per pollice o circa 130 libbre in più su 2,6 pollici di corsa. Il precarico di 5 mm su una molla da 400 lb/in (massimo in genere consigliato) genera un precarico di 79 libbre, che impedirà ai piccoli urti di “far partire” la sospensione (distruggendo la sensibilità ai piccoli urti), ma questo probabilmente non impedirà di “andare a pacco” in caso di grandi urti.

Please click here if this helped you.
0 people found this helpful.


Category: Sprindex

← Che differenza c’è fra durezza della molla e precarico.